Se puoi vedere, guarda. Se puoi guardare, osserva.

---

"le persone pensano a noi infinitamente meno di quanto crediamo"

(Sandro Veronesi - Caos Calmo)

---

Alle delusioni che contano bisogna arrivarci da soli.

(Diego De Silva - Terapia di coppia per amanti )

--

Capire e tacere: questo è difficile.

Un vero amico, per me, è quello che sa tenere un segreto che non gli hai mai rivelato

(Diego De Silva - Terapia di coppia per amanti)

--

Se dovessi indicare il principale dei miei difetti, quello di cui più avverto la ricorrenza nei rapporti che instauro con gli altri, direi che è la mia tendenza a rimuginare.

Io rimugino tantissimo. Quando cammino. Quando lavoro. Quando mi diverto. Quando mi compiango. Quando faccio l'amore. Soprattutto quando non lo faccio.

(Diego De Silva - Mia suocera beve)

---

Mi debilitano, i faccia a faccia con me stesso. Specie quando ha ragione quell'altro.

(Diego De Silva - Non Avevo Capito Niente)

---

"Sono fatto così: quando mi aspetto il peggio, gli vado incontro a braccia aperte"

(Diego De Silva - Sono contrario alle emozioni)

---

mi sento autorizzato a non sorprendermi più di niente

(Sandro Veronesi - Terre Rare)

--

"grazie Simone per essere il fratello che ho sempre desiderato"

(Elibellula a Pois, 3.6.2011, 23.47)

---

e pensare che c'è chi costruisce le foto.... e si vede lontano un miglio;

poi c'è chi lo sa...

sa che le foto sono già tutte montate, intendo...

e basta piazzarsi nell'unico punto giusto -su un milione- per inquadrare una scena perfetta;

è il più difficile ma l'unico artificio che funziona e che fa la differenza :)

, 28.11.2011

---

www.facebook.com/studiofotograficoesse

---

... con un grazie sconfinato, a tutti voi.

ciao,

Simone

 

muà

----

Mostra fotografica "la bella, addormentata" - Bologna, 4 ottobre 2015

 

labella

--

Mostra fotografica "Senegal: scatti di colore, scatti di cuore" - Bologna, 16-22 maggio 2011

 

Simone & AMOA - Senegal: scatti di colore, scatti di cuore

 

maggiori info, qui: www.flickr.com/photos/simkophoto/5594742219/

--

Mostra fotografica "Occhio a Bologna" - 13-25 ottobre 2010

 

Occhio a Bologna

 

maggiori info qui: www.flickr.com/photos/simkophoto/5048229321/

---

Mostra fotografica "Amare, d'Inverno" - Riccione, 3-25 luglio 2010

 

invito (sottovoce, che mi vergogno...)

 

maggiori info, qui: www.flickr.com/photos/simkophoto/4734455001/

----

Canon Eos 5d Mark II

Canon Eos 80d

Fuji XT2

Nikon D90

Canon 24-70 f2.8L USM

Canon EF50 f1.4

Canon 70-200 f2.8 L USM

Canon 100 f2.8 Macro USM

Canon EFS 18-200 f/3.5-5.6 IS

Canon EFS 18-135 f/3,5-5,6 IS nano USM

Nikon Af-Nikkor 50Mm F/1.8 D

Nikon AF-S DX NIKKOR 18-200mm f/3.5-5.6 G ED VR II

Tamron SP AF 60 MM F/2.0 DI II LD

Fuji 18-55 f/2.8-4

Fuji 35mm f/1.4

Fuji 18-135 f/35,-5,6

_______________

Piccolo divertissement, ora:

 

Tanto per cominciare si dovrebbe iniziare morendo, e così il trauma è bello che superato.

Quindi ti svegli in un letto di ospedale e apprezzi il fatto che vai migliorando giorno dopo giorno.

Poi ti dimettono perché stai bene e la prima cosa che fai è andare in posta a ritirare la tua pensione e te la godi al meglio.

Col passare del tempo le tue forze aumentano, il tuo fisico migliora, le rughe scompaiono.

Poi inizi a lavorare e il primo giorno ti regalano un orologio d'oro.

Lavori quarant'anni finchè non sei così giovane da sfruttare adeguatamente il ritiro dalla vita lavorativa.

Quindi vai di festino in festino, bevi, giochi, fai sesso e ti prepari per iniziare a studiare.

Poi inizi la scuola, giochi con gli amici, senza alcun tipo di obblighi e responsabilità, finchè non sei bebè.

Quando sei sufficientemente piccolo, ti infili in un posto che ormai dovresti conoscere molto bene.

Gli ultimi nove mesi te li passi flottando tranquillo e sereno, in un posto riscaldato con room service e tanto affetto, senza che nessuno ti rompa i coglioni.

E alla fine abbandoni questo mondo in un orgasmo.

 

(Woody Allen)

_____________

 

_esse_ - View my 'interestingness - top 100' set on Flickriver

 

---

Read more

Showcase

  • JoinedNovember 2009
  • HometownBologna
  • Current cityBologna
  • Countryitalia
View all

Photos of simo

Testimonials

Write a testimonial
gus says:

Ognuno vive la sua vita. Ognuno fa i conti con le cose che gli capitano e queste vanno a scrivere quello che quella persona diventerà. Simone è un bambino. Ha un entusiasmo per uscire, per far uscire da sé ciò che ha dentro che è qualcosa di genuino ed elettrizzante. Simone si mette in gioco e si offre e, probabilm… Read more

Ognuno vive la sua vita. Ognuno fa i conti con le cose che gli capitano e queste vanno a scrivere quello che quella persona diventerà. Simone è un bambino. Ha un entusiasmo per uscire, per far uscire da sé ciò che ha dentro che è qualcosa di genuino ed elettrizzante. Simone si mette in gioco e si offre e, probabilmente, ne paga anche le conseguenze, ma non penso che potrebbe fare diversamente. Ecco, questo è ciò che arriva a me guardando le foto di Simone e leggendo ciò che ci abbina … sperando che non perda mai entusiasmo e non smetta mai di fare né l’una né l’altra cosa.

Read less
January 26, 2015

Simone non è (semplicemente) un fotografo! Simone è passione, entusiasmo, imprevedibilità, tecnica e cuore! Simone è una persona che quando la incontri per la prima volta ti sembra di conoscerla da sempre! Simone è la persona che mi piacerebbe essere!

March 15, 2014
madly whistle (deleted)

Certe volte mi sembra di guardare l' album di un alieno, o di un cartone animato. E' leggero, e poetico, e attento a quelle piccole cose alle quali nessuno ormai sta più attento. Quando decide di essere profondo non è mai pesante, ma riesce a strapparti un sorriso anche sulle cose serie. Una sorta di piccolo principe… Read more

Certe volte mi sembra di guardare l' album di un alieno, o di un cartone animato. E' leggero, e poetico, e attento a quelle piccole cose alle quali nessuno ormai sta più attento. Quando decide di essere profondo non è mai pesante, ma riesce a strapparti un sorriso anche sulle cose serie. Una sorta di piccolo principe ecco, un po' alieno e un po' cartone animato. Un piccolo principe con reflex.

Read less
September 24, 2013

Vorrei chiederti un piccolo favore. Di guardare. Guarda: questi sono gli occhi di _esse_...sono gli occhi di chi non vuole lasciarsi incorniciare se non come testimone del mondo…i riflessi sfocati delle sue fotografie potresti intenderli così: vedere è andare incontro a qualcosa che sta per essere e ancora nessuno sa c… Read more

Vorrei chiederti un piccolo favore. Di guardare. Guarda: questi sono gli occhi di _esse_...sono gli occhi di chi non vuole lasciarsi incorniciare se non come testimone del mondo…i riflessi sfocati delle sue fotografie potresti intenderli così: vedere è andare incontro a qualcosa che sta per essere e ancora nessuno sa cosa sarà; vedi?, in molti suoi scatti c’è una piccola parte di luce, concentrata e messa a fuoco dalla distanza di ripresa, solo una piccola parte che raggiunge effettivamente il nostro pensiero nitido…tutto il resto è luce sottile in sospensione, che pure si ferma davanti ai nostri occhi, un attimo appena per farci dire solo: Sì…per poi sparire… o meglio… allontanarsi oltre la soglia della percezione…in fondo i suoi occhi nascono da una coincidenza, quasi: dal coincidere dell’intimità dei gesti con un abbandono totale privo di familiarità… _esse_ sembra quasi volerci dire che soltanto qui ci sono le cose da vedere, in questo piccolo, minuscolo, ristretto spazio dove l’obiettivo è puntato con esattezza…e solo dopo aver visto ciò che poteva essere visto e messo da parte ciò che andava messo da parte, solo dopo possiamo pensare di riconoscere la nostra posizione di osservatori privilegiati… in questa posizione, e soltanto in questa, l’immagine puoi definirla perfetta… e dopo aver “conosciuto” le sue fotografie, pensi che tutto dovrebbe essere visibile così, immediatamente…ma poi ti assale anche il dubbio che adesso non è tempo di pensare, i pensieri torneranno dopo, semmai, dopo che avrai visto per bene…i pensieri potrebbero interrompere l’azione del vedere assoluto, mettere in rilievo uno stato di dubbio che può spezzare questa sensazione d’immobilità e durata, accesa da questi minuscoli frammenti quotidiani …e allora ti muovi contenendo i gesti, fai pianissimo, perché l’immagine avrà una profondità piccolissima, sarà quasi soltanto un accenno….poi penserai, ma solo dopo, alla giustificazione originaria con cui queste fotografie appariranno agli occhi…e avrai bisogno di un solo vocabolo, uno soltanto, in grado di contenere in sé l’atto dell’interrogare e l’atto del vivere, la qualità dei desideri e la somma degli istanti…andrai alla ricerca di una specie di segno perfetto o finito e subito nuovamente perduto….anche se ci saranno altre immagini semplici, come questa, anche se l’impegno continuerà ad essere quello di vedere con chiarezza, ogni volta bisognerà ricominciare tutto da capo… …Allora ricomincerai solo guardando, d'altronde ti chiedo solo questo, se hai tempo, guardare come fa lui… guardare per sorprendere le cose prima che diventino oggetti definiti e idee riconoscibili, solo guardare, lasciandoti alle spalle il niente di un ricordo e del tempo che passa, e vedrai che soltanto dopo questa procedura potrai chiudere gli occhi e cominciare ad aspettare (perché le immagini di _esse_ sembrano quasi richiedere, invocare una sospensione)…aspettare…aspettare che la visione settoriale produca una nuova narrazione, aspettare che i dati iniziali dell’immagine si adattino al nuovo punto di vista dei tuoi occhi, aspettare che il cervello impari a leggere e interpretare il mondo là fuori, ma quello piccolo piccolo, mondo ordinario, quasi insignificante…perché aspettare è una parte fondamentale di _esse_ (almeno secondo il mio modesto parere); aspettare è una parte costitutiva della fotografia quanto il fotografare, aspettare controllando e ricontrollando, consapevole che oggi l’ordine degli eventi è un fenomeno troppo complesso per essere conosciuto con la sola osservazione… Vedi, alla fine, la cosa semplice che ci chiede _esse_? Osservare… e non soltanto ciò che è a fuoco… non fermarsi proprio lì…osservare, e a ogni fotografia, ogni volta, ripetere la stessa storia: per capirla (per farla “nostra”) dobbiamo allontanarci dal mondo; e poi la fotografia ci spinge di nuovo dentro…

Read less
April 8, 2011

Quando Simone passa, porta via degli attimi piccoli piccoli speciali e irripetibili. So che se li mette in tasca come se fossero sassolini, come fai sulla spiaggia, quando cammini fuori stagione e la sabbia ti resta sotto le unghie un po'..li custodisce e poi li trasforma in pellicola e tu pensi che ci sei già stato i… Read more

Quando Simone passa, porta via degli attimi piccoli piccoli speciali e irripetibili. So che se li mette in tasca come se fossero sassolini, come fai sulla spiaggia, quando cammini fuori stagione e la sabbia ti resta sotto le unghie un po'..li custodisce e poi li trasforma in pellicola e tu pensi che ci sei già stato in quel posto, e hai appoggiato la mano su quella maniglia antica consunta dal tempo...e non l'hai notata. Che sei volato su e giù da quella stessa altalena ma non ti è venuto in mente di guardarla bene Che spesso passeggi lungo quelle vie, ma mai mai hai visto quello che vede lui, e che quindi te lo sta regalando. Con dei colori, delle prospettive, dei bokeh sfavillanti come mai saresti stato capace di apprezzare da solo. Mentre gli altri si guardano attorno, Simone scova un insetto che scappa via, una crepa lungo il muro o una foglia che danza al vento e la "prende". E allora quando i suoi scatti ti passano davanti, se hai la possibilità di osservare da vicino, affondi il dito tra le piegoline della stoffa, vedi il legno che si arrende al tempo, il colore che si scrosta, la natura che gli piange o sorride, in posa.

Read less
February 24, 2011

Simone aka _esse_ è un alieno che vede cose che gli altri non vedono, guardarlo mentre scatta è a volte sconcertante! Dici: "ma che cavolo sta fotografando?" poi vedi le sue foto e rimani a bocca aperta! I suoi dettagli, la sua ricerca del particolare, il suo modo di vedere situazioni per altri banali e scontate, sono… Read more

Simone aka _esse_ è un alieno che vede cose che gli altri non vedono, guardarlo mentre scatta è a volte sconcertante! Dici: "ma che cavolo sta fotografando?" poi vedi le sue foto e rimani a bocca aperta! I suoi dettagli, la sua ricerca del particolare, il suo modo di vedere situazioni per altri banali e scontate, sono un ottimo spunto di riflessione! Il suo mondo è tutto da scoprire attraerso le sue foto! Ciao zio continua così!

Read less
April 27, 2010